Coppa Italiana Quidditch Recap | Coppa Italiana Quidditch – Riepilogo

La traduzione italiana di questo articolo è alla fine della versione inglese.

By Sandra Kreit and Valerio Ciliste Quinti

Editor’s Note: Kreit and Quinti play for Virtute Romana Quidditch.

On May 2021, 2017, the Italian national tournament took place in Brindisi in southern Italy. Last year’s champions Virtute Romana won the fourth edition of this tournament, this year rebranded as Coppa Italiana (Italian Cup). As usual in Italy, this tournament was the first event for the 11 teams to qualify for next year’s European Quidditch Cup (EQC).

The final, which pitted Virtute Romana against Lunatica Quidditch Club, started well into the evening and finished at 10 p.m. This was a rematch after Virtute Romana won out of SWIM range on Day One. Confident of their performance over the weekend and the fact that they won the tournament last year, Virtute Romana dominated the match with an impressive overall team play using bludger control effectively and allowing Marco Bianchi to catch the snitch to end the match 200*-50 for Virtute.

Virtute Romana are champions of CIQ | Photo Credit: Sonia De Leonardis

Lunatica advanced to the finals with perhaps the greatest upset of the tournament in the semifinals over GreenTauros Quidditch Torino. During this very long semifinal, both teams provided amazing bludger play, including Michele Genovese (GreenTauros), who was a stand out player throughout the tournament. GreenTauros also showed amazing defensive capabilities, but continuous beater battles led to many no-bludger moments for both teams, which was taken advantage of by the chasers to keep the game in SWIM range. Alessandro Delle Grazie’s snitch catch earned Lunatica a place in the final.

Meanwhile, on the other pitch, reigning champions Virtute Romana won their semifinal against Siena Ghibellines without any difficulties. They dominated every aspect of the game, conceded only 30 points, and slowed the pace of the game down once the snitch came on pitch for a 190*-30 win with a snitch catch by Sandra Kreit.

The previous stages of the tournament offered plenty of exciting quidditch.

In the first quarterfinal, one of the most beautiful matches in Italian quidditch to this day, Siena Ghibellines defeated Milano Meneghins in double overtime, with a final score of 160°°°-150*°°.

Milano brooms up against Cerberus | Photo Credit: Sonia De Leonardis

Francesco Ermini (Milano) defended the snitch well in regulation time until his team got back in SWIM range, and then caught to take the game to overtime. Both teams scored an impressive 150 points a piece, but neither managed to catch during the first overtime period, and Siena eventually won the game in double overtime. In the other quarterfinals, the highest-ranked teams easily despatched their opponents:

Lunatica 140*-60 Hinkypunks Bologna Quidditch

Virtute Romana Quidditch 300*-40 Imola Hurricane

Green-Tauros Quidditch Torino 180-80* Bombarda Brixia Brescia

Although the upper bracket showed there is still a considerable gap between top-tier teams and emerging teams, the latter took centre stage on Day One. Cerberus Quidditch – Bari, Pescara Spartans Quidditch, Imola Hurricane Quidditch, and Tarantulae Quidditch Lecce came to the tournament motivated to fight for the Cup and gave their best from the outset.

With only eight players at the beginning of the tournament, Tarantulae Lecce surprised everyone by winning against the soontobe semifinalists Siena Ghibellines 80*-70 thanks to an amazing athletic effort and effective beating game. This was an especially impressive feat because they played this game with only 7 players, including their seeker.

Imola Hurricane played a strong tactical match against finalists Lunatica, keeping the pace of the game slow and holding on to the quaffle until they could create a scoring opportunity (nearly always using their keeper). Two of their beaters, Giada Galeotti and Francesca Baccarini, stood out for their exceptional ability to catch bludgers. This led them to SWIM range until the end of the game, but they finally lost with a score of 120*-60.

Another interesting match was Cerberus against Pescara Spartans, both emerging but promising teams. During the match, the score was really close and both teams’ beater game was impressive, which led them to constantly trade bludger control. Niccolò Andrea Carissimo (Cerberus) deserves a particular mention for carrying his team’s beating game nearly on his own. However, ultimately Pescara’s reliable tackles in defense allowed them to keep the lead and pull the snitch to win 210*-50.

The more experienced teams predictably had an easier time, racking up quaffle points with confident victories. Green Tauros, 2015 champions and last year’s silver medallists, fielded a technical and offensive team, and won every game on Day One. The 2016 champions Virtute Romana Quidditch won every game they played and demonstrated an impressive team cohesion. They won 200*-50 against Milano Meneghins, 340*-90 against Tarantulae, and 160-60* against Lunatica. This last game was interrupted due to a temporary lack of first aiders.

Hinkypunks Bologna and Lunatica Quidditch | Photo Credit: Sonia De Leonardis

These were the rankings at the end of Day One:

  1. GreenTauros Quidditch Torino
  2. Virtute Romana Quidditch
  3. Siena Ghibellines Quidditch Club
  4. Lunatica Quidditch Club
  5. Hinkypunks Bologna Quidditch
  6. Milano Meneghins Quidditch
  7. Imola Hurricane
  8. Bombarda Brixia Quidditch Club

Organisation

The weather was mostly good, but wind and the occasional burst of rain bothered players throughout the weekend. Associazione Italiana Quidditch (AIQ) decided to base the tournament on a Swiss system plus bracket play for the finals due to the odd number of participating teams, which did not leave many other feasible tournament structures. However, this decision still caused quite a stir, as players were always in suspense to know when and against whom they would play next, and the referees and snitches were only chosen before every match. Partly due to its structure, the tournament was also severely delayed to the point that the final finished at 10 p.m. (although this was also due to reasons out of the organisers’ control).

On Day One, delays across the board led the tournament directors to call for a captains meeting where they agreed to cancel the fourth round of the first phase of the tournament. This allowed the tournament to proceed relatively smoothly the following day. However, on top of possibly changing the seeding, this meant that at least one game between top-tier teams was cancelled. In fact, Green-Tauros Quidditch Torino should have played either Siena Ghibellines Quidditch Club or Lunatica Quidditch Club (all three would then get to the semifinals the following day).

Good weather and grounds for CIQ | Photo Credit: Sonia De Leonardis

Other general considerations

Tactically speaking, this tournament speaks volumes about the development of Italian quidditch. The beating game has become much more important compared to last season, even in lower-tier teams, to the point that even teams at their first tournament actively use beaters in offense now.

The very physical but inexperienced Pescara Spartans interestingly played a peculiar version of the Baylor defense, with a chaser covering each hoop and the beaters trying to cause turnovers jointly with the fourth quaffle player.

The use of slowballing throughout the tournament shows an awareness of the tactical subtleties of the game that is new to all but the top tier of Italian quidditch. For example, the Imola Hurricane slowballed on both days with varying results, but proved that tactical trends are now trickling down from higher-tier teams. Generally speaking, a scarcity of aggressive beaters allowed slowballing teams to control the game and at the same time set up the play quite forward on pitch, generally around midfield.

Finally, some teams seemed to occasionally shy away from contact, even in very close and tense games such as the Milano vs. Siena double overtime quarterfinal.

Certain recurring mistakes, such as illegal resets and illegal contact, show that emerging teams are still not quite ready to compete at the highest level. On the other hand, this is definitely due to lack of experience rather than to lack of talent, which is abundant both in individuals and in coaching teams who are capable of introducing tactical innovations rarely seen in Europe.

The overall quality of quidditch shown makes the prospect of the next EQC qualifier tournament really exciting: while Virtute Romana have secured a spot for EQC 2018, the remaining spots will be up for grabs later this year.

Editor’s Note: Earlier versions of this article misstated EQC 2018 qualifying and the number of players Lecce played with


di Sandra Kreit e Valerio Ciliste Quinti

Traduzione di Claudio Svaluto

nota: Kreit e Quinti giocano con i Virtute Romana Quidditch

Il torneo nazionale italiano ha avuto luogo il 20 e 21 Maggio 2017 a Brindisi. Virtute Romana, campioni già l’anno scorso, hanno vinto la quarta edizione del torneo, quest’anno rinonimato Coppa Italiana. Come di norma in Italia, per le 11 squadre partecipanti questo è stato il primo evento il primo evento importante per guadagnarsi la qualificazione all’European Quidditch Cup (EQC) dell’anno prossimo.

La finale, che ha visto Virtute Romana affrontare Lunatica Quidditch Club, è cominciata in tarda serata e è finita verso le 10. Le due squadre si erano già affrontate il giorno precedente, quando Virtute Romana aveva vinto con un discreto vantaggio. Forti della loro performance durante il weekend, e della loro vittoria l’anno scorso, i Virtute Romana hanno dominato la partita con un eccellente gioco di squadra, usando al meglio il controllo dei bolidi e dando l’opportunità a Marco bianchi di catturare il boccino, per un risultato finale di 200*-50 per i Virtute.

Virtute Romana, vincitori della CIQ | Photo Credit: Sonia De Leonardis

I Lunatica sono arrivati alla finale con quello che è stato forse il risultato più inatteso del torneo: la semifinale contro Green Tauros Quidditch Torino. In questa lunghissima semifinale i battitori di entrambe le squadre hanno tenuto alto il livello di gioco, primo fra tutti Michele Genovese, uno dei migliori giocatori di tutto il torneo. I Green Tauros hanno dimostrato anche eccellenti capacità difensive, ma le molte battaglie tra battitori hanno portato a molti zero [momenti in cui la difesa non ha bolidi, NDR] per entrambe le squadre, il che ha portato a una partita con molti gol dal finale teso e equilibrato. La cattura finale del boccino da parte di Alessandro delle Grazie ha garantito ai Lunatica un posto in finale.

Nel frattempo, sull’altro campo i campioni in carica Virtute Romana battevano senza troppe difficoltà i Siena Ghibellines nell’altra semifinale. Dominando ogni aspetto del gioco e concedendo solo tre gol, i Virtute sono riusciti a rallentare il ritmo del finale di partita, per poi vincere 190*-30 (cattura di Sandra Kreit).

Anche le partite precedenti hanno offerto emozioni e quidditch di qualità.

Nel primo quarto di finale, una delle partite più tese di sempre nel quidditch italiano, i Siena Ghibellines hanno battuto i Milano Meneghins nel secondo tempo supplementare con un punteggio finale di 160°°°-150*°°.

Milano brooms up contro Cerberus | Photo Credit: Sonia De Leonardis

Francesco Ermini (Milano) ha difeso bene il boccino durante il tempo regolamentare fino a che la sua squadra è riuscita a recuperare lo svantaggio accumulato, e poi ha catturato per portare la partita ai tempi supplementari. Entrambe le squadre hanno segnato un impressionante totale di 150 punti, ma nessuno è riuscito a catturare il boccino durante il primo periodo supplementare, e Siena ha finito per vincere al secondo. Negli altri quarti di finale le squadre favorite hanno avuto gioco facile dei loro avversari:

Lunatica 140*-60 Hinkypunks Bologna Quidditch

Virtute Romana Quidditch 300*-40 Imola Hurricane

Green-Tauros Quidditch Torino 180-80* Bombarda Brixia Brescia

Sebbene le finali abbiano dimostrato che c’è ancora un certo divario tra le squadre più forti e quelle emergenti, sono state queste ultime le protagoniste del primo giorno del torneo. Cerberus Quidditch – Bari, Pescara Spartans Quidditch, Imola Hurricane Quidditch, e Tarantulae Quidditch Lecce sono andate a Brindisi motivate a lottare per la coppa e a dare il meglio fin dall’inizio.

Con solo otto giocatori all’inizio del torneo, i Tarantulae Lecce hanno sorpreso vincendo contro i semifinalisti di Siena 80*-70 grazie a una straordinaria prova atletica e pragmatico uso dei bolidi. Questo risultato è ancora più sorprendente se si considera che hanno giocato questa partita con solo sette giocatori, incluso il cercatore

Gli Imola Hurricane hanno dimostrato maturità tattica nell’affrontare i finalisti di Lunatica, controllando il ritmo del gioco e creando occasioni da gol (quasi sempre usando il portiere). Due dei loro battitori, Giada Galeotti e Francesca Baccarini, hanno sorpreso particolarmente per la loro abilità di catturare i bolidi al volo. La loro prestazione li ha portati a rimanere in svantaggio di 30 punti fino alla fine, ma il finale di partita ha favorito i Lunatica, che hanno vinto 120*-60.

Cerberus contro Pescara Spartans, entrambe squadre emergenti, è stata un’altra partita interessante. Durante questa partita molto equilibrata i battitori di entrambe le squadre hanno giocato veramente bene, recuperando il controllo dei bolidi diverse volte. Niccolò Andrea Carissimo (Cerberus) in particolare merita di essere menzionato come miglior battitore della sua squadra. nonostante ciò, i placcaggi della difesa di Pescara gli hanno permesso di rimanere in vantaggio e vincere per 210*-50.

Le squadre con più esperienza hanno prevedibilmente avuto meno problemi durante il primo giorno, accumulando punti con vittorie più facili. I Green Tauros, campioni d’Italia nel 2015 e vicecampioni l’anno scorso, hanno messo in campo una formazione molto tecnica e aggressiva, e hanno vinto tutte le loro partite del Sabato. I campioni in carica Virtute Romana Quidditch hanno fatto lo stesso e hanno dimostrato fin dall’inizio un eccellente gioco di squadra, vincendo 200*-50 contro i Milano Meneghins, 340*-90 contro i Tarantulae e 160-60* contro i Lunatica. Quest’ultima partita è stata interrotta brevemente per la temporanea assenza del personale di primo soccorso.

Hinkypunks Bologna e Lunatica Quidditch | Photo Credit: Sonia De Leonardis

Questa la classifica provvisoria alla fine del primo giorno:

  1. Green-Tauros Quidditch Torino
  2. Virtute Romana Quidditch
  3. Siena Ghibellines Quidditch Club
  4. Lunatica Quidditch Club
  5. Hinkypunks Bologna Quidditch
  6. Milano Meneghins Quidditch
  7. Imola Hurricane
  8. Bombarda Brixia Quidditch Club

Organizzazione

Il tempo è stato buono quasi tutto il weekend, con vento e l’occasionale scroscio di pioggia a disturbare di tanto in tanto i giocatori. L’Associazione Italiana Quidditch (AIQ) ha organizzato il torneo con un formato svizzero più una fase a eliminazione diretta a causa del numero di squadre partecipanti, che non lasciava molte alternative. Ciononostante, questa decisione ha provocato più di qualche protesta, poiché nessuno sapeva fino all’ultimo quando e contro chi avrebbero giocato, e i boccini e gli arbitri venivano scelti appena prima di ogni partita. In parte a causa di questa struttura organizzativa, il torneo ha avuto gravi ritardi al punto che la finale è finita alle 10 di sera (ma questo è stato dovuto in parte a imprevisti non causati dagli organizzatori).

Durante il primo giorno, considerevoli ritardi hanno portato i direttori del torneo a convocare un’assemblea dei capitani di tutte le squadre, dove hanno deciso di cancellare il quarto round della prima fase del torneo. Questo ha fatto sí che il torneo procedesse in maniera relativamente ordinata il giorno successivo. Questa decisione però potrebbe anche aver deciso alcune delle partite della Domenica, oltre ad aver causato l’annullamento di almeno una partita di alto livello. Infatti i Green Tauros Quidditch Torino avrebbero dovuto giocare contro i Siena Ghibellines Quidditch Club o contro Lunatica Quidditch Club (tutte e tre le squadre sarebbero poi arrivate alla semifinali).

Il sole di Brindisi e lo stadio della CIQ | Photo Credit: Sonia De Leonardis

Altre considerazioni

Tatticamente questo torneo dice molto sullo sviluppo del quidditch italiano. I battitori sono diventati molto più importanti dell’anno scorso, anche in squadre di basso livello, al punto che ora persino squadre al loro primo torneo usano attivamente i battitori in attacco.

I Pescara Spartans, molto fisici ma con poca esperienza, hanno giocato un’interessante variante della Baylor defense, con un cacciatore a coprire ciascun anello, e i battitori più il quarto cacciatore impegnati a recuperare la pluffa.

L’uso dello slowballing durante tutto il torneo dimostra una consapevolezza delle sottigliezze del gioco a cui solo le squadre più forti sono abituate. Per esempio, gli Imola Hurricane hanno rallentato il gioco entrambi i giochi con risultati altalenanti, ma hanno dimostrato che le innovazioni tattiche si stanno diffondendo a partire dalle squadre più forti. Una generale scarsità di battitori aggressivi ha permesso a diverse squadre di rallentare il gioco e al tempo stesso di iniziare l’azione offensiva intorno alla metà campo o anche più avanti.

Infine, alcune squadre sembrano riluttanti ad affrontare il contatto fisico, anche in partite molto equilibrate come il quarto di finale finito ai tempi supplementari tra Milano e Siena.

Certi errori ricorrenti, come reset illegali e falli di contatto, mostrano che le squadre emergenti non sono ancora pronte a competere ai livelli più alti. Dall’altro lato, ciò è dovuto alla mancanza d’esperienza più che alla mancanza di talento, che abbonda sia a livello individuale che tra gli allenatori, chiaramente in grado di introdurre innovazioni tattiche rare in Europa.

La qualità complessiva del quidditch giocato a questo torneo promette bene, e si vedrà sicuramente al prossimo torneo di qualificazione per l’EQC: mentre i Virtute Romana hanno già un posto assicurato per l’EQC 2018, i posti rimanenti verranno assegnati durante un torneo organizzato a questo scopo a Dicembre.

Nota editoriale: le versioni precedenti di questo articolo contenevano informazioni inesatte sulla qualificazione all’EQC 2018 e sul numero dei giocatori di Lecce.